www.vinocibo.it

Vitigni W-X-Z

I vitigni del mondo dalla A alla Z

Xarel-lo: Insieme al Macabeo e al Parellada fa parte delle tre uve per l'assemblaggio dei Cava. La caratteristica dei vini bianchi aromatici con elevata acidità è la nota vegetale di cavolo. È ampiamente diffuso nella regione Penedès.

Xynomavro:

Si presume che il vitigno provenga dalla Macedonia. È anche utilizzato per produrre rosati e spumanti. È l'uva a bacca rossa più diffusa e più conosciuta della Grecia. Il nome significa «nera acidula», una descrizione che combacia con quella del pesante vino rosso ottenuto con lo Xynomavro: scuro e concentrato con buon potenziale di invecchiamento.

Wildbacher:Il vitigno Wilbacher è originario dell’Austria più precisamente conosciuto nella regione della Bassa Stiria con il nome di  Blauer Wildbacher; in Austria con questo vitigno si produce un rosato di pronta beva  chiamato “Schilcher” ovvero brillante.Sempre in Austria  ad oggi troviamo i cloni di questo vitigno; mentre a Col Sandago si è fortemente voluto conservare il vitigno per quello che era all’originl Wildbacher arrivò in Italia tra il 1600 ed il 1700; un'ipotesi potrebbe essere per la sua resistenza al freddo (gelata del 1709) e alla filossera (fine 800). Il vitigno è rimasto radicato solo nella zona di Pieve di Soligo e non si è diffuso altrove. In Italia la sua registrazione risale al 1903. E’ un vitigno rustico, forte, resistente, di produzione regolare. Fino alla metà del secolo scorso non è mai stato vinificato in purezza ma, serviva solamente per dare ai vini maggiore acidità. E’ conosciuto da tutti i contadini della zona ed è affettuosamente appellato “bacher” La vinificazione in purezza inizia negli anni ’50 a Col Sandago producendo un vino IGT.
E’ un vitigno che in passato ha rischiato di scomparire; fortunatamente, invece, ad oggi fa ormai parte a tutti gli effetti del patrimonio dei vitigni italiani ed è considerato AUTOCTONO (biotipo della zona di Col Sandago)Wuerzer: vitigno a bacca biancaXarel-lo:Sinonimi Xarello
Colore bacca bianca
Vigoria Media
Maturazione Seconda metà di settembre
Produttività Buona
Zone di coltivazione: Vitigno di origine spagnola, è un vitigno rustico di medio vigore, adattabile ad ogni terreno fino a 400 metri di altitudine, caratterizzato da buona produttività.
Caratteristiche ampelografiche: Vitigno di media vigoria, a germogliamento precoce, maturazione media, produzione buona e costante. Predilige forme di allevamento relativamente espanse e potature medio lunghe o lunghe. Grappolo di grandezza media, molto compatto, con acino rotondo a buccia spessa.
Caratteristiche del vino che si ottiene con questo vitigno: Da questo vitigno si ottiene un vino dal colore giallo paglierino di buona alcolicità e fine aroma.
Zalema: vitigno spagnolo a bacca bianca, genera vini modesti.

Zinfandel:

In California, oltre il 10% dei vigneti è coltivato con lo Zinfandel. Gli acini crescono in modo irregolare, per cui l'uva matura in tempi diversi: è pertanto possibile che nello stesso periodo vi siano acini completamente maturi e altri ancora acerbi sullo stesso ceppo – una vera sfida per qualsiasi viticoltore. Vitigno tradizionale della California. È da più di cento anni che è coltivato sulla costa occidentale degli Stati Uniti. Malgrado i vini bianchi siano lì molto di moda, è il vitigno più coltivato negli Stati Uniti. Nel 1820 George Gibbs, proprietario di una scuola di enologia, importò dall'Austria diversi vitigni, tra cui lo Zinfandel. Per molto tempo si è pensato che il responsabile fosse l'ungherese Agoston Haraszthy. Anche le origini sono state a lungo molto controverse. Le più recenti analisi hanno dimostrato che lo Zinfandel è identico al vitigno italiano Primitivo, ma anche all'uva croata Crljenak Kaštelanski (Okatac). Lo Zinfandel ha molte facce: si trova come vino rosato dolciastro da picnic – il cosiddetto White Zinfandel –, come vino rosso scuro e rigido, di grande complessità e adatto a decenni di invecchiamento, o come vino in stile Beaujolais. Vinificate in bianco, ossia senza la buccia, le uve Zinfandel servono come base secca per gli spumanti e come vino di fondo per il Porto californiano, un vino da dessert fortificato. In California è richiesto oggi un particolare stile di vino: scuro, vigoroso con un pronunciato carattere fruttato e speziato. Un numero sempre maggiore di produttori seguono questo tipo di vini Zinfandel, e il risultato è notevole. Riscuotono molto successo e sono molto particolari i cosiddetti Old Vine Zinfandel che provengono da vecchie vigne. Anche in Sudafrica e in Australia si coltivano ora vigneti di Zinfandel, ottenendo in parte ottimi risultati. Le caratteristiche organolettiche dello ZinfandeI rosso sono: speziato, pepato con aromi di mora, rosa canina e prugne cotte.
Zilavka:
Zibibbo:Varietà di uva da tavola a bacca bianca proveniente dall'Egitto e successivamente diffusa dai Romani nel bacino del Mediterraneo; è nota infatti anche come moscato d'Alessandria e moscato romano. Il nome  zibibbo, ricorda invece il nordafricano zibibb, che significa uva secca. Coltivato intensamente come uva da tavola e da essiccare, oggi è molto amato come vitigno per vini passiti, in particolare a Pantelleria e in alcune zone della Sicilia. E' un'uva diffusa in molti Paesi esteri, fra cui l'Australia (muscat gardo), la Francia (muscat d'Alexandrie, muscat romain e panse musqué). Viene utilizzata anche in Cile e in Perù per la produzione del distillato Pisco. Altri sinonimi sonomoscatellone, salamonica, salamanna o seralamanna.

Caratteristiche e esigenze ambientali e colturali: ha foglia media, trilobata o pentalobata; grappolo grosso, leggermente allungato, conico-piramidale, con una o due ali, mediamente compatto o tendente allo spargolo; acino grosso, subrotondo tendente all'ovoide; ha buccia pruinosa,  consistente e spessa, di colore verde-giallastro; la polpa è croccante e ha sapore dolce e caratteristico. La produzione è regolare ma non abbondante; predilige forme di allevamento non molto espanse con potatura corta. E' molto resistente alla siccità.
Zweigelt:Il vitigno Zweigelt è stato sviluppato nel 1922 presso l'Istituto federale per la viticoltura a Klosterneuburg in Austria dal professor Fritz Zweigelt incrociando il St. Laurent con il Blaufränkisch (Franconia), ed è il vitigno rosso più coltivato in Austria. In Italia è varietà autorizzata per la provincia di Bolzano.
Colore bacca: Nera
Vitigni Parentali: Saint Laurent x Franconia
Regione: Trentino-Alto Adige
Il vitigno Zweigelt ha le seguenti caratteristiche varietali:

-Foglia: media, trilobata
-Grappolo: grosso, conico, alato
-Acino: medio-grosso, ovoidale Buccia: consistente, di colore blu-nero
Caratteristiche produzione:Il vitigno Zweigelt ha epoca di maturazione media, vigoria elevata e produzione abbondante e regolare.
Caratteristiche vino: Il vitigno Zweigelt dà un vino di colore rosso rubino molto intenso. Al naso è fruttato con sentori di marasca e piccoli frutti rossi. Al palato è sapido, fresco per acidità, leggermente tannico e di medio corpo.