Lattuga romana

Visite: 4107

 

Lattuga romana

 Coste carnose con cespo oblungo. Il colore si intensifica con l’avanzare dello sviluppo della foglia. Le foglie esterne maggiormente sviluppate hanno un contenuto di clorofilla più elevato rispetto al cuore. Il nome non ha un diretto collegamento con la zona di coltivazione, tuttavia gli antichi romani solevano sfruttarla abbondantemente come pianta medicinale. A oggi la caratteristica della lattuga romana sta nel contenuto misurabile di Cromo, utile elemento per il controllo di glicemia e trigliceridi nel sangue. Le cultivar che fanno capo alla lattuga romana sono diverse, in base al periodo di raccolta, e vengono classificate come Bionda d’inverno, Bionda d’estate e Verde degli ortolani. In alcuni casi si possono trovare foglie a striatura rossa.

La lattuga romana è una delle lattughe della famiglia delle Compositae, appartenente alla varietà longifolia, infatti presenta foglie dritte e cespo allungato e compatto, la sua colorazione varia dal bianco della parte centrale al verde chiaro fino al verde scuro delle foglie più esterne e della parte più alta.  La lattuga romana può raggiungere una lunghezza di 40 cm e un peso di 300 grammi. È una pianta presente in tutte le zone del Mediterraneo ed in tutta Italia, dove si adatta ad essere coltivata nei vari mesi dell'anno e nei differenti ambienti climatici. D'inverno viene anche esportata nel Nord Europa.

Uso della lattuga romana in cucina:

La lattuga romana si presta a svariate preparazione. Le sue foglie sono spesse e croccanti, e possono essere consumate tutte crude in insalata se è fresca. Una delle ricette che vede la lattuga romana protagonista è la Caesar salad, un'insalata di fama internazionale e che erroneamente si crede messicana, venne infatti ideata da un cuoco italiano che gestiva il suo ristorante in Messico. La Caesar salad è composta dalle foglie centrali della lattuga, dal parmigiano reggiano, da quadratini di pane bruschettato e da pezzi di pollo arrostito. Alcune volte può capitare che le foglie esterne della romana risultino un po' troppo dure, non occorre buttarle via ma si possono cucinare per renderle più tenere: lessate, stufate in padella con aglio e pomodoro, o utilizzate nella preparazione di paste o risotti.
Una volta cucinate il sapore delle foglie della lattuga romana ricorda un po' quello degli asparagi.

 

Lattuga romana È una lattuga da taglio, ha forma molto allungata e consistenza croccante. Utilizzata sia a crudo nelle insalate, sia cotta brasata o nella preparazione di minestre. Al gruppo delle lattughe romane appartengono varietà quali Marvel, Bionda degli Ortolani, Verde degli Ortolani, Pallone Bougival, Gigante bianca, Gigante rossa, Gigante verde e Bianca d'Inverno.

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/lattuga.html
Copyright © Alimentipedia.it

È una lattuga da taglio, ha forma molto allungata e consistenza croccante. Utilizzata sia a crudo nelle insalate, sia cotta brasata o nella preparazione di minestre. Al gruppo delle lattughe romane appartengono varietà quali Marvel, Bionda degli Ortolani, Verde degli Ortolani, Pallone Bougival, Gigante bianca, Gigante rossa, Gigante verde e Bianca d'Inverno.

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/lattuga.html
Copyright © Alimentipedia.it

È una lattuga da taglio, ha forma molto allungata e consistenza croccante. Utilizzata sia a crudo nelle insalate, sia cotta brasata o nella preparazione di minestre. Al gruppo delle lattughe romane appartengono varietà quali Marvel, Bionda degli Ortolani, Verde degli Ortolani, Pallone Bougival, Gigante bianca, Gigante rossa, Gigante verde e Bianca d'Inverno.

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/lattuga.html
Copyright © Alimentipedia.it