www.vinocibo.it

Chiodi di garofano

 

I Chiodi di garofano

sono i boccioli floreali della pianta conosciuta con il nome di Eugenia caryophyllata, un albero sempreverde appartenente alla famiglia delle Myrtaceae; la pianta può raggiungere i 15 metri circa di altezza ed è coltivata in vari paesi dell'Africa del sud ed in Indonesia. La pianta che produce i chiodi di garofano comincia a produrre i boccioli floreali appena dopo la stagione delle piogge; all'inizio i boccioli sono di colore verde chiaro, in seguito virano al rosa per poi diventare rosso acceso. È proprio quando i boccioli diventano rosa che vengono raccolti e fatti essiccare per poi diventare chiodi di garofano. I chiodi di garofano sono molto conosciuti ed apprezzati, non solo per le loro proprietà aromatiche, ma anche per le loro proprietà terapeutiche.

Composizione
I chiodi di garofano sono composti dal 6,86 % da acqua, da ceneri, fibre alimentari, grassi, carboidrati, proteine e zuccheri. Discreta la quantità di minerali presenti nei chiodi di garofano: calcio, potassio, sodio, fosforo, ferro, zinco, magnesio, selenio, manganese, e rame. Per quanto riguarda le vitamine sono presenti alcune vitamine del gruppo B, la vitamina C, la vitamina E, K e J. Nei chiodi di garofano ( non solo nei boccioli ma anche nelle foglie e nei rami ) è presente un principio attivo che prende il nome di eugenolo e che conferisce ai chiodi di garofano il caratteristico profumo intenso e particolarmente aromatico. Ogni 100 grammi di chiodi di garofano si ha una resa calorica pari a 323 kcalorie.

Proprietà
I chiodi di garofano hanno un alto potere antiossidante e per questo motivo sono un valido aiuto per contrastare l'attività dei radicali liberi e per rallentare l'invecchiamento delle cellule; grazie al buon contenuto di polifenoli i chiodi di garofano hanno anche proprietà anti infiammatorie. I chiodi di garofano hanno anche proprietà analgesico/anestetiche e possono essere utilizzati per trarne benefici in caso di mal di denti; fin dai tempi antichi pare che i chiodi di garofano venissero masticati appunto per far passare il mal di denti. Recenti studi hanno dimostrato come i chiodi di garofano siano in possesso di proprietà battericide e fungicide; oltre a queste proprietà i chiodi di garofano hanno proprietà antinfettive che esplicano i loro benefici nel trattamento del cavo orale, soprattutto per quanto riguarda gli ascessi. In ultimo i chiodi di garofano hanno anche proprietà corroboranti e toniche ed aiutano a combattere gli stati di spossatezza ed il mal di testa.

Lo sapevate che.................

  • La pianta che produce i chiodi di garofano è originaria dell'Indonesia dove pare che fosse già nota più di 2.000 anni prima della venuta di Cristo; nell'antichità le proprietà aromatiche e terapeutiche dei chiodi di garofano erano già note alle popolazioni dell'epoca che li utilizzavano per creare profumi e applicazioni medicamentose.
  • I chiodi di garofano, grazie alle proprietà antisettiche ed aromatiche possono essere utilizzati per sostituire la naftalina o la canfora negli armadi per allontanare le tarme; è sufficiente conficcarli nella buccia di un' arancia e posizionare quest'ultima negli armadi che contengono i vestiti.
  • I chiodi di garofano possono essere anche utilizzati per togliere i cattivi odori dai contenitori ( barattoli in vetro, vasetti, etc. . . ) che non vengono utilizzati da tempo; per farlo è sufficiente inserirvi 4/5 chiodi di garofano all'interno.
  • Antichi scritti reperiti in Cina raccontano che le persone che all'epoca dovevano interloquire con l'imperatore avevano l'obbligo di tenere in bocca alcuni chiodi di garofano per profumare l'alito.
  • In Indonesia i chiodi di garofano vengono utilizzati per produrre sigarette aromatizzate.
  • I chiodi di garofano, grazie alle loro proprietà terapeutiche ed aromatiche , vengono utilizzati in aromaterapia per curare diversi malanni come per esempio il raffreddore, la bronchite, l'asma, i reumatismi e l'artrite.
  • Nel nord Italia i chiodi di garofano vengono utilizzati come ingrediente per la preparazione di un bevanda calda a base di vino rosso, il vin brulé.
  • Il nome "chiodo di garofano" deriva probabilmente dal fatto che il suo bocciolo ricorda allo stesso tempo sia un garofano che un chiodo.
  • Attualmente i chiodi di garofano sono principalmente coltivati nei paesi caldi del sud Africa ed in Indonesia.
  • Grazie alle loro proprietà aromatiche i chiodi di garofano vengono utilizzati in varie parti del mondo per aromatizzare tè ed infusi.
  • Da una pianta si ricavano due raccolti all'anno di chiodi di garofano ed in media una pianta produce circa un Kg. di chiodi di garofano essiccati a raccolto