www.vinocibo.it

Cumino

Il Cumino

nome scientifico Cuminum cyminu, è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Apiaceae; il cumino si sviluppa in altezza non oltre i 30 cm. e presenta dei fiori bianchi, a volta tendenti al rosa. Il frutto del cumino è un achenio e contiene quindi un solo seme; è proprio dai semi del cumino che è costituita la famosa spezia. Da ritrovamenti avvenuti in diversi siti archeologici, sembra che il cumino e le sue proprietà fossero già note alle popolazioni che abitavano la terra già duemila anni prima della venuta di Cristo.

Composizione

Il cumino, oltre ad un 8% d'acqua, contiene grassi, carboidrati, proteine, fibre, zuccheri e ceneri.

Nel cumino troviamo i seguenti sali minerali: potassio, calcio, sodio, fosforo, zinco, ferro, magnesio, manganese e rame. Per quanto riguarda le vitamine sono presenti la vitamina B1, B2, B3, B6, vitamina C, E, J e K. Ogni 100 gr. di cumino abbiamo un apporto calorico pari a 332 kcalorie

Uso in cucima

L'aroma che rilasciano i semi di cumino è molto intenso e il sapore pepato e amarognolo, per questo vanno usati con molta parsimonia per non rischiare di coprire il sapore base delle pietanze.  In Italia l'uso del cumino in cucina non è molto diffuso ma generalmente si sposa bene con verdure, sottaceti, formaggi, legumi e carne.
Tostare i semi in padella prima di unirli alle pietanze esalterà ancor di più l'aroma del cumino.
Di questa pianta possono essere impiegate in cucina anche le foglie, ad esempio per insaporire insalate o salse, ma l'uso delle foglie di cumino non è molto diffuso. Il cumino è molto usato nella cucina del Nord Africa, dell'India e del Medio Oriente ed è presente tra le spezie del curry e quelle del garam masala, una miscela molto diffusa in India.
In Marocco aromatizza la carne arrostita, in Messico si mette nel guacamole, in Francia aromatizza alcuni tipi di pane mentre in Spagna e Portogallo si trova nelle salsicce e nei piatti a base di verdure.
Con il cumino vengono anche aromatizzati alcuni formaggi olandesi e valdostani. Prevalentemente questa spezia si adatta a pietanze salate ma può stupire il modo in cui conferisce a un dolce un gusto esotico e speziato. Nella cucina libanese, ad esempio, è protagonista di un dolce freddo profumato alle spezie: il mighli, o crema di cumino.

Proprietà

La principale proprietà riconosciuta al cumino è quella di apportare benefici al processo digestivo; a tal proposito bere una tisana preparata con semi di cumino e finocchio, dopo pranzo, ha proprietà digestive.
I semi del cumino, se masticati, hanno una duplice proprietà,  contrastano l'alitosi ed aumentano l'appetito.
Il cumino contiene una discreta quantità di ferro che, oltre a rinforzare il sistema immunitario, è anche utile in caso di anemia.

Grazie alle sue proprietà il cumino viene inserito nella dieta di chi ha problemi di aerofagia. Il cumino, grazie alle sue proprietà aromatiche, è una spezia che, sebbene non molto utilizzata in Italia, compare spesso tra gli ingredienti di molti piatti tradizionali dei paesi del Nord Africa, del medio Oriente e dell'India. In India il cumino è uno degli ingredienti del famoso curry, in Messico è invece tra gli ingredienti della famosa salsa a base di avocado conosciuta col nome di guacamole. In Marocco il cumino viene utilizzato per aromatizzare il famoso piatto del couscous mentre nell'Est dell'Europa il cumino si utilizza per aromatizzare piatti a base di carne come il gulash. In Medioriente ( Egitto, Israele, Siria, Palestina e Giordania ) il cumino, sempre grazie alle sue proprietà aromatiche, viene utilizzato per preparare i falafel, delle polpette fritte a base di legumi. In Spagna e Francia i semi di cumino vengono utilizzati per aromatizzare alcuni tipi di pane.

Lo sapevate che....................

  • Il cumino, grazie alle proprietà aromatiche, viene impiegato per aromatizzare alcuni tipi di formaggio.
  • In antichità, nei paesi arabi, il cumino veniva impiegato per preparare quello che si credeva essere un potente afrodisiaco.
  • Sempre in tempi antichi si riteneva che il cumino avesse la proprietà di non far allontanare da casa gli animali domestici, caratteristica questa che fu poi estesa anche agli esseri umani, in particolare veniva utilizzato tra coniugi per scongiurare l'allontanamento di uno dei due.
  • L'olio estratto dal cumino pare abbia proprietà benefiche nei confronti della pelle e per questo motivo viene utilizzato per la pratica dei massaggi.
  • Esistono altre tipologie di cumino oltre a questa ( Cuminum cyminum ) e con cui si fa spesso confusione; ad esempio vi è il cumino dei prati, il cui nome scientifico è Carum carvi, che ha un gusto meno piccante ed un profumo meno intenso.
  • Anche se non vi è nulla di certo, sono in molti a ritenere che il nome del cumino derivi da una città iraniana di nome Kerman che una volta era la principale produttrice di questa spezia.
  • Anche se in Italia il cumino è una spezia poco utilizzata si consiglia di provarla con formaggi e carni arrostite