www.vinocibo.it

Semi di sesamo

I Semi si Sesamo

Il sesamo è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Pedaliaceae che trae le sue origini dai paesi orientali e che può raggiungere il metro di altezza; i suoi fiori sono di color violaceo con sfumature bianche. Attualmente nel mondo il sesamo viene coltivato in India, Birmania e Cina mentre in Europa lo possiamo trovare coltivato in Grecia e nel sud dell'Italia. Dalla colorazione dei suoi semi si possono distinguere le varie specie di sesamo: con semi bianchi, semi neri e semi rossastri. Molti sono i prodotti che si ricavano dalla lavorazione dei semi di sesamo: olio, tahin ( crema di semi di sesamo usata nella cucina greca ), halva ( derivato del tahin ) e gomasio che si ottiene dai semi di sesamo e dal sale marino e per questo motivo può essere utilizzato al posto del sale.

Composizione

I semi di sesamo sono composti da circa il 5% di acqua, 50% di grassi, 25% di carboidrati e il restante 20% di proteine; tra i minerali presenti nei semi di sesamo citiamo il calcio, il fosforo, lo zinco, il selenio, il potassio, il rame ed il magnesio. Per quanto riguarda le vitamine troviamo molte vitamine del gruppo B ( B1, B2, B3, B5, B6), la vitamina T e la J, presente in modica quantità insieme alla vitamina A. Questi i principali aminoacidi presenti nel sesamo in base alla quantità: acido glutammico, acido aspartico, glicina, alanina, arginina, leucina, serina e valina. Da sottolineare la presenza nei semi dell'acido oleico e linoleico ( omega 3), due sostanze con proprietà protettive nei confronti del cuore e del sistema cardiocircolatorio. I semi di sesamo, contenendo una buona quantità di grassi, hanno un elevato apporto calorico; infatti ogni 100 grammi di semi abbiamo 700 calorie rese.

Proprietà

Le proprietà e i benefici del sesamo sono numerosi e non si esauriscono nel campo alimentare ma si estendono in quello farmaceutico, cosmetico ed erboristico. Tra i pregi principali dei semi di sesamo troviamo l'abbondanza di calcio che sappiamo essere un sale minerale molto importante per il rafforzamento dello scheletro del nostro corpo nonché per la prevenzione dell'osteoporosi. Anche lo zinco è presente in quantità sufficiente per apportare benefici al nostro organismo proteggendolo dalle infezioni; il selenio invece ha proprietà efficaci nel contrastare l'attività dei radicali lberi. Grazie alla presenza di fosforo, potassio e magnesio, l'uso del sesamo come integratore nella dieta dei bambini da ottimi risultati in termini di crescita, anche la dove la crescita è molto inferiore alla norma.  L'assunzione di semi di sesamo rappresenta un ottimo ricostituente per le piastrine del sangue e l'emoglobina; infatti la vitamina T in essi contenuta ha la proprietà di far aumentare le piastrine ematiche. Il sesamo rafforza il sistema immunitario, soprattutto nei casi di affaticamento e convalescenza, mentre d'altro canto è in grado di riequilibrare le funzioni dell'organismo in caso di nausea, mal di testa e vomito.

Uso in cucina

Questi semi sono utilizzati per arricchire gli impasti di pane e prodotti da forno, insalate e muesli per la colazione e in generale molto apprezzati dalla dieta macrobiotica, ma non solo. Nella tradizione culinaria orientale il sesamo è davvero molto apprezzato: viene tostato e unito al sale marino per ricavare il gomasio, una polvere utilizzata come condimento. Nella cucina turca dai semi di sesamo si ottiene invece la tahina (o tahin), un vero e proprio burro di sesamo che viene ad esempio usato per condire l'hummus. Mai sentito parlare di “giurgiulena”? Ebbene si, anche la cucina italiana apprezza da tempo il sapore del sesamo, in particolare in Sicilia dove la giurgiulena, un dolce a base di sesamo, è parte della tradizione culinaria locale. Il pane al sesamo, poi, lo si trova in ogni forno. Una curiosità: i semi di sesamo sono perfetti per preparare panature per verdure o pollo sfiziose e dal sapore esotico: basterà sostituirli al pangrattato e il gioco è fatto.

Lo sapevate che...........

  • Il sesamo produce piccoli frutti che, una volta giunti a maturazione, si aprono in modo del tutto spontaneo e lasciano cadere i semi contenuti al loro interno: da qui la celebre frase " apriti sesamo ".
  • I semi di sesamo sono di dimensioni minuscole  con un colore le cui tonalità variano dal  giallo al marrone; l'olio è giallo chiaro trasparente.
  • L'assunzione dei semi di questa pianta è molto indicata per i celiaci in quanto il glutine è praticamente assente.
  • Il sesamo, come tutti gli altri semi di origine oleosa, può essere introdotto nell'alimentazione dei bambini dai due anni di vita in su.
  • A causa del suo alto contenuto di grassi il sesamo è soggetto ad un facile irrancidimento; bisogna dunque fare attenzione durante il suo acquisto che non abbia già odore di rancido e verificare soprattutto la data di scadenza sulla confezione