www.vinocibo.it

Marchi di certificazione

Marchi comunitari d'origine 

Reg. CE 2081/92

  • DOP: Denominazione di Origine Protetta
  • IGP: Indicazione Geografica Protetta

Reg. CE 2082/92

  • STG o AS: Specialità Tradizionale Garantita o Attestazione di Specificità
Definizione di DOP  
Denominazione di Origine Protetta


«Il nome di una regione, di un luogo determinato o di un paese che serve a designare un prodotto agricolo o alimentare originario di tale regione, luogo o paese e le cui qualità o le cui caratteristiche siano dovute essenzialmente o esclusivamente all'ambiente geografico comprensivo dei fattori naturali ed umani e la cui produzione, trasformazione ed elaborazione avvengano nell'area delimitata».

Definizione di IGP  
  Indicazione Geografica Protetta


«Il nome di una regione, di un luogo determinato o di un paese che serve a designare un prodotto agricolo o alimentare originario di tale regione, luogo o paese e di cui una determinata qualità, la reputazione o un'altra caratteristica possa essere attribuita all'origine geografica e la cui produzione e/o trasformazione e/o elaborazione avvengono nell'area geografica determinata».


Qual'è la differenza tra i prodotti DOP e quelli IGP?

Per beneficiare del marchio DOP tutte le fasi di produzione, trasformazione ed elaborazione devono avere luogo nella zona da cui il prodotto deriva il nome, pertanto tutte le sue caratteristiche devono dipendere dall'ambiente geografico comprendente i fattori naturali e umani. Deve sussistere un legame oggettivo e molto stretto tra la qualità del prodotto e la sua origine geografica.

Per beneficiare del marchio IGP invece solo alcune fasi di produzione, trasformazione ed elaborazione devono avvenire nella zona da cui il prodotto deriva il nome, pertanto solo alcune sue caratteristiche devono essere attribuibili all'ambiente geografico. Il legame tra il prodotto e la zona geografica è più leggero e può consistere semplicemente nella reputazione.

Lo scopo di questi marchi è quello di promuovere prodotti di qualità aventi caratteristiche legate al territorio; tutelano inoltre sia i produttori iscritti che rispettano il disciplinare, sia il consumatore.
I controlli sono eseguiti da autorità di controllo e/o da organismi privati autorizzati dallo Stato Membro secondo la norma EN 45011; in termini economici sono a carico dei produttori che utilizzano la denominazione.

I prodotti alimentari DOP e IGP italiani:

  • Ortofrutticoli e cereali DOP e IGP: 98
  • Oli di oliva DOP IGP: 40
  • Prodotti della panetteria: 4
  • Altri prodotti di origine vegetale DOP IGP (spezie, aceti, ecc.): 8
  • Formaggi DOP, IGP e STG: 41
  • Carne fresca e frattaglie: 5
  • Prodotti a base di carne DOP e IGP: 36

Vi è un lungo elenco di prodotti in fase di riconoscimento.

Definizione di STG (o AS)  Specialità Tradizionale Garantita (o Attestazione di Specificità)

Riconoscimento del carattere di specificità di un prodotto agro-alimentare, inteso come elemento o insieme di elementi che, per le loro caratteristiche qualitative e di tradizionalità, distinguono nettamente un prodotto da altri simili. Ci si riferisce, quindi, a prodotti ottenuti secondo un metodo di produzione tipico tradizionale di una particolare zona geografica, al fine di tutelarne la specificità. Sono esclusi i prodotti il cui carattere specifico sia legato alla provenienza geografica; questo aspetto distingue le STG dalle DOP e dalle IGP.


Secondo il «Rapporto Qualivita Ismea 2011» l'Italia è leader mondiale nelle denominazioni d'origine agroalimentari con 239 prodotti iscritti nel registro UE (149 DOP, 88 IGP e 2 STG) e una produzione di 1,3 milioni di tonnellate con un fatturato di 10 miliardi di Euro solo nel 2010.
Le aziende coinvolte nel settore sarebbero oltre 80 mila.

Definizione di PAT Prodotti Agroalimentari Tradizionali Italiani (P.A.T.)

I prodotti agroalimentari tradizionali (P.A.T.) sono i prodotti inclusi in un apposito elenco, predisposto dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con la collaborazione delle Regioni.