www.vinocibo.it

Il Sale

Che cos'è il sale?

Il sale da cucina o cloruro di sodio viene utilizzato per conferire sapidità ai cibi oppure per conservare alcuni generi alimentari. I suoi costituenti, il sodio ed il cloro, sono elementi molto importanti per il nostro organismo, tuttavia nella nostra società si tende a consumare più sale del necessario, con effetti negativi sulla salute.
Alcuni tipi di sale in commercio sono:
Sale di salgemma
Fino oppure grosso, è spesso pubblicizzato con aggettivi tipo «purissimo»: in effetti, il sale di salgemma è, tra i diversi tipi di sale, quello che contiene una maggiore percentuale di cloruro di sodio, arrivando a superare il valore di 99.5 per cento.
Il sale di salgemma viene estratto per trivellazione da enormi giacimenti sotterranei dove il minerale si è depositato quando l'attuale Sicilia era ancora in parte coperta dal mare, diversi milioni di anni fa.
Sale marino
Questo sale è ottenuto invece nelle saline, per evaporazione dell'acqua di mare.
Il sale marino viene raffinato per eliminarne le impurità, ma spesso questo trattamento porta anche ad una parziale eliminazione dei sali diversi dal cloruro di sodio. Al sale inoltre vengono spesso aggiunti sali con effetto anti-igroscopico, che cioè evitano l'assorbimento di umidità da parte del prodotto, oppure additivi chimici con azione antiagglomerante come il ferrocianuro di potassio E536 e il biossido di silicio E551.
Sale marino integrale
In questo tipo di sale l'attenzione è rivolta a non disperdere i sali "minori", ma non per questo poco importanti, presenti nel sale marino. E' lavato con acqua di mare e spesso non viene arricchito di additivi anti-umidità e quindi può apparire più umido e grumoso.
In Italia, come in tutti i paesi occidentali, il consumo di sale è più del doppio della dose indicata come ideale, con conseguenze anche gravi per l'organismo come l'ipertensione arteriosa.
Il sale inoltre è sospettato di favorire l'insorgenza di tumore allo stomaco. Infatti il paese con il più alto tasso di incidenza di tumore allo stomaco è il Giappone, dove la tradizione di mangiare pesce salato e vegetali conservati in salamoia porta ad un consumo medio giornaliero di circa 20 grammi di sale a testa.
Il 70 per cento della produzione totale di sale è assorbito dall'industria conserviera per la conservazione di carni e verdure e per migliorare i processi di congelamento.

I cibi più arricchiti di sale sono:

  • i salumi
  • i formaggi
  • i dadi per brodo
  • la carne in scatola
  • il pane
  • le salse pronte
  • i sottaceti
  • gli hamburger.

Sali dal mondo

Sale affumicato danese
Si tratta di un sale grosso marino ottenuto mediante un processo di un'antichissima tradizione danese di affumicatura con legno di quercia e olmo rosso, che gli conferisce il naturale e tipico colore arancio/ocra. Sono necessarie oltre 90 ore per portare a termine la lavorazione che viene eseguita interamente a mano.
E' un sale mediamente sapido, e per tradizione è nato per accompagnare tutte le varietà di pesce (merluzzi, trote, salmoni tipici dell'area del Nord Europa) e conferire loro quel caratteristico sapore di affumicato.

Sale Cipro Bianco e Speziato:
Delicati fiocchi di sale marino di Cipro, di forma piramidale, prodotti col metodo tradizionale dalle acque del Mediterraneo, senza alcun additivo artificiale. Di un colore bianco luminoso naturale, con un gusto fresco e dolce, privo del retrogusto amaro, tipico negli altri sali.La sua particolare consistenza gli permette di sciogliersi immediatamente a contatto con il cibo, e la sua intensa sapidità ne consente un uso contenuto. Utilizzato sia in cucina che sulla tavola, è molto apprezzato su carne, pesce, verdure e insalate

Sale Hawaii Alaea:
Alaea è il tradizionale sale da tavola Hawaiano, che prende il nome da un minerale naturale, un argilla rossa di origine vulcanica. Durante il processo di evaporazione si mescola con il sale e lo arricchisce di ferro, conferendogli il suo caratteristico colore rosso.Ha un gusto molto più intenso degli altri sali, ed un grammo di sale Hawaiano contiene una quantità di ferro fino a cinque volte superiore a quella contenuta nel sale comune. Si utilizza come sale da tavola, e per la sua particolare colorazione è usato dagli chef per decorare e guarnire piatti importanti.

Sale rosa Himalaya granulato e fine:
“Il sale dei Re”. Il sale rosa dell’Himalaya è sale cristallino di prima qualità estratto tra le rocce multi-millenaria ai piedi del Tibet, è di origine certificata. Formatosi oltre 250 milioni di anni fa, il Sale Rosa dell’Himalaya viene estratto con metodi tradizionali presso le antiche miniere di sale, rispettando l’etica del lavoro per tutto il processo produttivo. E’ sale puro e naturale, non contiene additivi, non è inquinato, non è raffinato. Non dà Ritenzione dei Liquidi. E’ ricco dei suoi purissimi elementi naturali ed oligoelementi, il suo sapore è equilibrato e preserva gli aromi autentici dei cibi.

Sale rosa Himalaya Cristalli:
Questa soluzione concentrata di Sali minerali è di notevole aiuto in tantissime patologie, è un ottimo energetico, un disintossicante, Non dà Ritenzione dei Liquidi come il sale raffinato da cucina normale che viene ripulito chimicamente dall'Industria e ridotto a cloruro di sodio Innaturale.Si consiglia quindi di sostituire il sale grosso ed il sale fino da cucina con quello Himalayano, purché sia di Prima Qualità e di Origine Certificata, e di bere un cucchiaino da thé di soluzione concentrata tutte le mattine a digiuno diluita in un bicchiere pieno di acqua oligominerale da 200 ml (Levissima Lauretana etc.).

Sale nero Himalaya:
E’ un sale non raffinato da tavola con un forte gusto solforoso. E’ effettivamente nero quando viene estratto in grandi cristalli e una volta macinato, diventa un colore rosso-chiaro madreperlaceo. Chimicamente, il sale nero è cloruro di potassio. Ha un gusto affumicato leggermente salato, con sapore solforoso, meno salato del sale da tavola. Il sale nero è estratto dalle miniere in India centrale e Pakistan (Himalaya), si reputa che si sia formato per l’evaporazione di mari antichi. È usato estesamente nella cucina indiana come condimento, così come nella medicina ayurvedia e dalle persone con alta pressione sanguigna o nelle diete a bassa percentuale di sale, perché non contiene significativi importi di sodio. Non dà ritenzione idrica. Ha molto zolfo ed è estremamente efficace contro le formazioni di gas intestinali e disturbi di stomaco.

Fleur de Sel di Guérande Atlantico Francese:
Fleur de Sel (Fior di Sale) è un condimento raro e pregiato. Questo sale marino artigianale consiste in una brina di “giovani” cristalli che si formano in modo naturale sulla superficie delle saline. Nei mesi estivi viene quotidianamente raccolto a mano in piccole quantità. Naturalmente candido, viene chiamato anche “Il caviale del sale”, ed è molto apprezzato dai migliori chef e gourmet di tutto il mondo.

Flor de Sal Algarve Portogallo:
Il flor de Sal viene definito in Portogallo come La Crema del Sale. Raro e Pregiato, veniva preferito a qualsiasi altro dagli antichi Romani. Questo sale apporta una nota croccante a tutti i cibi, ed è stato riscoperto da chef e gourmet di tutto il mondo per la sua eccellente qualità e per la sapidità delicata e persistente. Contiene alte quantità di Magnesio e Potassio. Raccolto a mano ogni giorno, è totalmente organico e privo di elementi insolubili.

Sale fino grigio naturale di Guérande:
Nelle saline di argilla della costa Atlantica Francese, si forma per evaporazione grazie all’azione del sole e del vento, il sale di Guérande. Raccolto in modo artigianale secondo l’antico metodo Celtico, che prevede l’uso di attrezzi di legno e non di metallo, per non contaminare la purezza. Questo sale non viene trattato con sbiancanti e rimane integro come all’origine, e per questo conserva il suo caratteristico colore grigio. Contiene circa 80 minerali, tra i quali: magnesio, calcio, potassio, manganese, fosforo,iodio