www.vinocibo.it

Enogastronomia del Portogallo

 L'Enogastronomia Portoghese 
è  estremamente  varia,  come  varia  è  ogni  singola  cucina regionale. La  cucina  è  tipicamente mediterranea con  piatti  di  mare  come  il  famoso Bacalà  (Bacalhau), di carne, verdure e frutta buonissima. Il Portogallo  centrale   presenta  forse  la  cucina  più  diversicata.  Qui  troviamo  il  noto maialetto della regione di Coimbra, mentre la zona di Aveiro è specializzata in piatti come la  zuppa  di  anguilla  o  ancora  nei  dolci  conosciuti  con  il  nome  di  Ovos  Moles  (i  cui ingredienti principali sono tuorlo d’uovo, zucchero e scaglie di riso). Tra  le  bevande  locali  del  Portogallo  centrale  si  ricordano  in  particolare  i  brandy Aguardente, i liquori a base di erbe Licor Beirào, la famosa birra di Lisbona, Cervejarias (Sagres) e naturalmente i famosi vini. Il Portogallo settentrionale si presenta probabilmente come il più creativo creativo in termini gastronomici. Qui affondano le loro origini le note e saporite zuppe portoghesi mentre i mari regalano ottimi merluzzi poi utilizzati nella produzione del famoso bacalà. Tra le bevande, a parte il plurimenzionato Porto, si apprezzano il Bagaceira e l’aguardente. La  gastronomia  del Portogallo  del  sud  è  naturalmente  ricca  di  prodotti  di  mare.  In particolare si apprezzano i pesci come il tonno e le sardine (regione dell’Algarve). Della terra si apprezzano i fichi, le mandorle, le arance e le sublimi olive. Tra le bevande ricordiamo in particolare i vini della regione dell’Alentejo. Il piatto che in generale rappresenta il Portogallo è la ‘Zuppa ’, presentata in numerose variazioni. Tradizionalmente la zuppa si consuma durante la cena, in genere composta da un unico piatto. Tra le zuppe principali della cucina portoghese citiamo in particolare la Sopa Caldo Verde (zuppa di patate, cavolo tagliato a pezzetti, olio d’oliva, servita con pane rustico e salsiccia di maiale affumicata), la Sopa de Galinha (brodo di gallina con riso, uova e interiora), la Sopa de Pedra (tipica del Portogallo centrale e che ricorda un pò il nostro minestrone ma con aggiunta di carne come maiale, manzo, bacon, salsiccia di maiale e appunto ‘la pedra’). Da da non perdere la zuppa servita nella zona di Almeirim,  la Açorda (ottima e semplice zuppa fatta di acqua calda, olio d’oliva, e un mix di aglio, sale e prezzemolo, ottima per inzuppare il pane abbrustolito). Tra i piatti di carne  non si può non provare il noto maialetto della regione dell’Alentejo e  in  particolare  i  piatti  come  il Cozido  à  Portuguesa  (composto  da  un  mix  di  carne affumicata come salsiccia, costolette di maiale, prosciutto affumicato e accompagnato da vegetali  come  carote,  patate  e  cavolo  bolliti),  il Leitào  à  Bairrada  (succulenta  polpa  di maiale arrosto servita a caldo o a freddo), la Cabidela (pollo con riso e cucinato in modo originale:  nel  sangue  dello  stesso  pollo  e  con  aggiunta  di  aceto),  la Carne  de  porco  à Alentejana  (una  cucina  mista  di  mare  e  di  carne,  in  particolare  maiale,  e  condita abbondatemente  con  le  erbe),  e  l’Ensopado de Borrego  (stufato  di  agnello  con  cipolle, aglio, prezzemolo tipo coriandolo, il tutto servito con pane abbrustolito). Tra i piatti di mare  non si può non citare per l’appunto il Bacalà (merluzzo in salamoia) in genere servito bollito accompagnato da patate, grana e cavoli e condito semplicemente con olio di oliva. Tradizionali sono il Bacalhau à Braz (bacalà e patatine fritte alla francese accompagnato da uova e condito con prezzemolo e una ottima salsa di cipolla), il Bacalhau com Natas (Se si presentano dubbi circa le sue origini, quello che è certo è che si tratta di un piatto dal gusto irresistibile per chi ama i sapori del mare e della tradizione. Il bacalhau com natas (baccalà con la panna) prevede appunto l'impiego di baccalà, cipolla, patate fritte tagliate a dadini (che però, per rendere il piatto più leggero, possono essere anche bollite anziché fritte) e besciamella arricchita con la panna o senza panna, per chi desidera un piatto ancora più leggero), e i tipici piatti del Portogallo settentrionale come  il Pastéis de bacalhau (tortine di bacalà servite a freddo per uno snack o a caldo come piatto principale), e il Bacalhau à Gomez de Sá (tipico della zona di Oporto che consiste in bacalà con patate, strato di cipolle e decorazione di uova e olive). Altri piatti di mare arricchiscono la cucina del Portogallo: in particolare citiamo i piatti cucinati  con  la  tradizionale Cataplana,  un  utensile  (immaginate  due  padelle  unite  una sopra  l’altra)  usato  per  cucinare  il  tipico  mix  di  prodotti  di  mare  e  di  terra (ricorda  la classica Paella spagnola ma senza riso). Dal  Portogallo  centrale viene  l’Açorda  de  Marisco  (crostacei  e  arselle  affogati  in  una squisita densa zuppa di pane, olio, prezzemolo coriandolo e aglio), o ancora la variante Arroz de marisco  (riso  bollito  con  crostacei,  cipolle,  pomodori,  pepe  tipo  maleguetta  e abbondante  prezzemolo  tipo  coriandolo),  l’Arroz  de  Polvo  (polpo  cucinato  nel  sugo  di pomodoro  con  cipolle  e  accompagnato  con  riso),  l’Arroz  de  Polvo  com  Vinho  Tinto, la popolare Caldeirada (ottima zuppa di pesce con le patate, uno dei piatti maggiori del Portogallo) e le Sardinhas Assadas (sardine arrosto o grigliate servite con del pane grigliato o con patate bollite). Tra  i formaggi  tipici  del  Portogallo, ricordiamo in particolare il Rabaçal, il famoso e caro Serra, il Saloio e il Azeitào (Portogallo centrale dove si trovano i tipici formaggi a base di latte di capra). Nel Portogallo meridionale troviamo invece i formaggi tipici fatti con latte di pecora come il piccante Nisa e il Évora. Infine un cenno a parte meritano i vini Portoghesi, (vedi enografia del Portogallo) e anche il  vino liquoroso più famoso al mondo, il Porto.