www.vinocibo.it

Val di Cornia rosso Docg


toscana valdicornia

Val di CorniaDocg

interessa i vigneti che sorgono nelle aree più adatte alla viticoltura dei comuni di Suvereto,

Campiglia, San Vincenzo, Piombino e Sassetta (tutti in Provincia di Livorno) ed il vino contraddistinto con questa denominazione è a base Sangiovese (minimo 40%) con eventuale apporto di Cabernet Sauvignon e/o Merlot fino al 60%. A partire dalla vendemmia 2011 è possibile destinare le uve raccolte alla produzione dei vini che si possono avvalere della DOCG Val di Cornia in etichetta.

Vitigni - Grado alcolometrico minimo - Invecchiamento e qualifiche

I vini a denominazione di origine controllata e garantita “Val di Cornia Rosso” o “Rosso della Val di Cornia” devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese: minimo il 40%
Cabernet Sauvignon e Merlot: da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 60%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini le uve a bacca nera, da sole o congiuntamente, provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione per la regione Toscana, fino ad un massimo del 20% ad esclusione del vitigno Aleatico.
All’atto dell’immissione l consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
“Val di Cornia Rosso” o “Rosso della Val di Cornia”:
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol. (13,00% vol. la «riserva»);
- acidità totale minima: 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 25 g/l.

Caratteristiche organolettiche

I vini a denominazione di origine controllata e garantita “Val di Cornia Rosso” o “Rosso della Val di Cornia”all’atto dell’immissione al consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
“Val di Cornia Rosso” o “Rosso della Val di Cornia”:
- colore: rosso rubino di buona intensità, brillante, tendente al granato;
- odore: vinoso, delicato;
- sapore: asciutto, vellutato, armonico, di buon corpo, con eventuale sentore di legno.

Abbinamenti e temperatura di servizio

Vino da abbinare a selvaggina e cacciagione, arrosti ed altri piatti impegnativi. Va servito a una temperatura di 18°-20°C.