www.vinocibo.it

cocomero

 

Il cocomero o anguria,

è una cucurbitacea come il cetriolo e il melone, quindi è un ortaggio nella coltura ed un frutto nel consumo.

Originario dell'Africa tropicale, è un tipico frutto estivo dalla forma sferica o allungata che può raggiungere anche i 20 chilogrammi di peso.
Spesso in molte lingue ci si riferisce al cocomero come ad un tipo di melone, ma in realtà le due piante pur facendo parte della stessa famiglia non appartengono allo stesso genere.
Il cocomero è il più dissetante tra i frutti perché costituito dalla più alta percentuale di acqua: può contenerne infatti fino oltre il 95 per cento, contro circa il 90 per cento di acqua contenuta nelle pesche e l'85 per cento delle mele.
Contrariamente a quanto si possa pensare, il suo sapore zuccherino non è dovuto al contenuto in zuccheri (circa un terzo di quello delle mele o delle pere), ma piuttosto dalla presenza di sostanze aromatiche.
I cocomeri sono particolarmente indicati per le diete dimagranti, sia per il loro elevato indice di sazietà che per lo scarso apporto calorico. Forniscono invece una buona quantità di vitamina A, vitamina C e vitamine B e di potassio.
Il potere antiossidante e antitumorale del cocomero invece deriva dalla presenza del licopene che combatte i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento. L'assorbimento da parte dell'organismo è aiutato dall’associazione del cocomero a cibi grassi, ad esempio piatti di carne o di pesce.
Da evitare invece il consumo dei semi, perchè contengono sostanze con una forte attività purgante.

Secondo uno studio, il cocomero potenzierebbe l'attività sessuale e sarebbe uno degli afrodisiaci più efficaci, molto più di ostriche e peperoncino.
Nel Luglio 2008 un gruppo di studiosi della Texas A&M University ha pubblicato una relazione secondo cui il frutto, mangiato in quantità (almeno 6 fette) avrebbe gli stessi effetti dei farmaci utilizzati per la cura delle disfunzioni erettili, agendo come vasodilatatore.
La sostanza naturale «miracolosa» è la citrullina, che agisce direttamente sui capillari, elevando la concentrazione di ossido di azoto, rilassante per i vasi sanguigni, divenendo così una cura per la disfunzione erettile. Potrebbe addirittura avere le potenzialità per prevenirla, ovviamente senza effetti collaterali.
Il primo paese produttore mondiale di cocomeri è la Cina.

Le norme di qualità previste per la commercializzazione di frutta e verdura sono basate su parametri prevalentemente di aspetto, consistenza, organolettici e igienico-sanitari. Non sono previste analisi sulla variazione del contenuto in nutrienti.