www.vinocibo.it

Valtellina Casera

Il Valtellina Casera prende il nome dal tipico locale, la cantina o il magazzino, in cui vengono conservate le forme per la stagionatura.

Tradizionalmente il Valtellina Casera si identificava come formaggio semigrasso di latteria di produzione sclusivamente invernale, complementare al Bitto, che invece veniva lavorato direttamente in alpeggio nei mesi estivi.

Oggi la produzione avviene tutto l'anno e riguarda, da disciplinare, tutta la provincia di Sondrio.

Il Valtellina Casera ha acquisito la certificazione DO nel 1995 e la DOP nel 1996.
Il marchio è un simbolo rotondo che riunisce la sigla VC nell'immagine di una forma, è riportato sull'etichetta e ripetuto sullo scalzo.

Caratteristiche

Il Valtellina Casera è un formaggio a pasta semicotta prodotto con latte di vacca parzialmente scremato proveniente da due o più mungiture.

Le forme sono rotonde, con diametro di 30-45 cm e scalzo di 8-10 cm, il peso varia dai 7 ai 12 kg.

La crosta è di colore giallo paglierino, leggermente ruvida.

La pasta ha una struttura compatta e presenta una occhiatura fine e diffusa. Il colore della pasta è variabile dal bianco al giallo paglierino, a seconda della stagionatura, che deve essere protratta per almeno 70 giorni.

Il sapore dei Valtellina Casera é dolce, caratteristico, con una nota di frutta secca, e diventa più intenso con il procedere della maturazione.