www.vinocibo.it

Valle d'Aosta Fromadzo

prodotti tradizionali valdostani

 

Fromadzo della Valle d'Aosta

o Vallée d'Aoste Fromadzo,
le cui prime citazioni scritte risalgono a metà del XV secolo, 

rappresenta l'alternativa tradizionale alla Fontina, nei periodi di scarsa produzione di latte. In tali periodi risultava più conveniente trasformare in burro la panna affiorata e preparare un formaggio meno grasso, idoneo alla lunga stagionatura. Il Valle d'Aosta Fromadzo ha acquisito la certificazione DO nel 1955 e la DOP nel 1996. Il marchio raffigura una mucca stilizzata, il cui colore identifica la tipologia: verde per il magro, naturale per il semigrasso, blu se viene aggiunto latte caprino, rosa se il latte è pastorizzato, giallo se il latte è aromatizzato con l'aggiunta di erbe o spezie.
Caratteristiche:
Il Fromadzo è un formaggio prodotto con latte vaccino, con eventuali piccole aggiunte di latte caprino. Esistono due tipologie di formaggio: il magro, con un tenore di grasso del 20%, prodotto con latte lasciato riposare per 24-36 ore; il semigrasso, con il 25-30% di grasso, lasciato riposare per 12-24 ore. Durante il riposo la panna si separa e affiora in superficie, per poi essere rimossa per produrre il burro. La crosta del Fromadzo è consistente, il colore è paglierino tendente con il tempo al grigio con eventuali sfumature rossicce.
La pasta è compatta, con occhiatura sparsa di piccole e medie dimensioni.
Si presenta di colore bianco nel formaggio fresco, paglierino più o meno intenso in quello a prolungata stagionatura.
Il sapore è a tendenza dolce se fresco, leggermente salato e talvolta con una punta di piccante se stagionato.
A volte il latte viene aromatizzato con l'aggiunta di bacche di ginepro, semi di cumino o finocchio selvatico, profumi che ritornanano nel formaggio.