www.vinocibo.it

I Vitigni nel Mondo

 

Vitigni di tutto il mondo dalla A alla Z

ll termine vitigno indica una determinata varietà di vitis vinifera, atta a produrre vino e generalmente viene associata ad un territorio di cui è originaria o in cui è arrivata ad esprimere risultati significativi, quindi un territorio "di elezione" per il vitigno. A seconda dell'origine del vitigno, viene fatta pertanto una distinzione tra "vitigni internazionali" e "vitigni autoctoni".

Per vitigni internazionali si intendono quei vitigni, spesso di origine Francese, che si sono diffusi in tutto il mondo grazie alla loro versatilità e adattamento alle diverse condizioni ambientali. La loro fama e notorietà deriva dal fatto che il mercato mondiale del vino è stato inizialmente impostato dai produttori Francesi, anche se la realtà attuale è fortunatamente ben diversa. Questi vitigni danno origine a vini che, assieme alle caratteristiche varietali che li contraddistinguono, sommano delle caratteristiche tipiche del terroir  nel quale vengono allevati. A loro volta queste possono derivare da fattori climatici o di composizione del terreno, o da fattori umani come la tradizione e le usanze in termini di coltivazione o processi enologici. Il Sauvignon, il Cabernet Franc, lo Syrah o il Merlot sono esempi di vitigni internazionali.

Per vitigni autoctoni intendiamo quelli che risultano produttivi nella loro zona di origine. In tal senso, uno Chardonnay sarebbe autoctono in Borgogna ed internazionale in Friuli o in Sudafrica. Noi consideriamo autoctoni quei vitigni la cui produttività è limitata alla propria zona di origine, che può essere anche di dimensioni rilevanti (es. il Sangiovese) o estremamente ridotta in termini sia geografici che quantitativi (es. Pignola Valtellinese). Abbiamo poi introdotto una ulteriore classe per i vitigni "locali", con la quale identifichiamo quei vitigni che risultano originari di  una specifica area, ma che ritroviamo anche presenti in regioni limitrofe a quella di origine (ad esempio l'Aglianico è originario della Campania, ma è diffuso anche in Puglia, Molise, Basilicata e Calabria).

La caratterizzazione di un vitigno avviene secondo i suoi caratteri ampelografici: questi comprendono la forma ed il colore delle bacche, del grappolo e delle foglie. L'Organisation Internationale de la Vigne et du Vinsi occupa della standardizzazione delle descrizioni morfologiche, cui si aggiungono analisi più dettagliate basate sul DNA.

 

  I VITIGNI  NEL MONDO

DALLA A ALLA Z 

A B  C  D
 E  F  G  H-I
 k-L  M  N-O  P
Q-R S T U-V
W-X-Z    

 

 

                                                             

 

 

 

 

 

Image Map