www.vinocibo.it

La Cantina di stoccaggio

La parola cantina deriva etimologicamente dal latinocantus (angolo, cantuccio)e designa una costruzionesotterranea. La cantina è il luogo dove si esegue la vinificazione,

ma nell'eccezione comune è soprattutto il locale utilizzato per lo stoccaggio delle bottiglie di vino.La cantina di conservazione ideale deve essere ricavata in un locale sotterraneo ad almeno 4m di profondità, possibilmente scavato nel calcare o nella roccia e costruito con mattoni o pietre. Il pavimento deve avere un fondocomposto da vari strati (ciotoli, ghiaia, terriccio e mattoni) tale da garantire il giusto grado di umidità e la capacità di respirare. Il locale deve essere orientato a nord, con una porta o una finestra a nord e unafinestra ad est, ed avere una temperatura costante intorno ai 10-15°C, perché il vino non resiste a temperature troppo rigide mentre il caldo risulta dannoso in quanto dilata i liquidi e fa seccare i tappi dellebottiglie favorendo la fuoriuscita del vino e l'ossidazione. La cantina deve essere inoltre ventilata e l'illuminazione deve effettuarsi con lampade schermate, perché quelle superiori a 75w o al neon attraversano il vetro ed alterano il vino (fenomeno detto "gusto di luce"). Bisogna assolutamente evitare sia le vibrazioni che i rumori, e per questo si utilizza il legno per costruire le scaffalature in quanto attenua eventuali vibrazioni.