www.vinocibo.it

Il Terreno

Il Terreno
La vite così esigente nei confronti delle condizioni climatiche, non richiede terreni fertili, ma al contrario predilige quelli piuttosto poveri, che si differenziano in base alla loro composizione e tessitura. Calcare, marne, scisti, argille e altre ancora sono le componenti più diffuse nei terreni destinati alla viticoltura. Il calcare, carbonato di calcio, entra in modo determinante nella maggior parte di essi, mentre la marna è costituita da una miscela di calcare ed argilla in pari qualità.
Terreni calcareo-marnosi conferiscono ai vini colori compatti e profondi, profumi intensi e variegati, buona struttura generale, ricchezza di alcol, bassa acidità, qualità fine e longevità.
Il terreno calcareo-arenaceo contiene sabbia in discreta percentuale e da vini molto equilibrati nelle componenti alcoliche e fenoliche, con profumi fini ma non sempre predisposti a lunghissimi invecchiamenti.
Il terreno marnoso ferruginoso e le terre rosse danno in genere vini di ottima qualità.
Il terreno tendenzialmente argilloso è più idoneo alla coltivazione di uve a bacca rossa, si ottengono vini con pigmentazioni molto intense, sensazioni olfattive complesse, ricchezza di alcol, morbidezza e longevità.
Il terreno calcareo argilloso presente nella maggior parte delle nostre regioni così come quelli dello champagne, permettono produzioni di grande qualità.
Il terreno in gneiss arricchisce i profumi dei vini bianchi di sfumature minerali comuni anche nei Riesling prodotti dalle viti che crescono nei terreni scistosi della Mosella; anche nei terreni ciottolosi e ghiaiosi del Médoc, con buona permeabilità e capacità di trattenere durante il giorno il calore del sole e di cederlo ai grappoli durante la notte, si ottengono grandi risultati.In Australia le caratteristiche terre rosse del Coonawarra danno ai vini ottenuti da cabernet sauvignon e syrah le tipiche sfumature di mentolo e colori intensi e compatti. I terreni sabbiosi non garantiscono in genere la produzione di uve in grado di dare vini ricchi di colore e struttura, quindi sono vini da bersi giovani.Terreni componente acida donano ai vini colori poco intensi ma vivaci, discrete sensazioni olfattive e buona freschezza, ma in genere sono leggeri di alcol e con struttura piuttosto debole