www.vinocibo.it

Le tecniche colturali

Le Tecniche colturali
Se le condizioni naturali sono assolutamente fondamentali, l’intervento dell’uomo nella vigna può migliorare lo sviluppo della vite e la ricchezza delle uve, determinanti negli ultimi anni per un notevole incremento della qualità del vino. Vitigno e portainnesto, densità d’impianto e sistema di allevamento in funzione delle condizioni pedoclimatiche, potatura e periodo della vendemmia, sono solo alcune delle scelte che condizionano fortemente il risultato finale, un vino di qualità discreta, buona ,ottima o eccellente.
La densità dell’impianto: le tendenze più recenti mirano all’infittimento degli impianti, che porta il numero dei ceppi per ettaro fino a 6500-9000, al posto dei pi consueti 2500-3500, in media 4500-5500.
L’alta densità d’impianto non è tuttavia sufficiente, perché deve essere abbinata a una riduzione del numero di gemme per ceppo, quindi dei grappoli. Inoltre, la contemporanea applicazione dell’infittimento degli impianti e della drastica potatura delle gemme porta alla formazione di grappoli con acini più piccoli, nei quali aumenta il rapporto tra la superficie della buccia e il volume dell’acino, con una maggior ricchezza in polifenoli e sostanze aromatiche, che daranno vini più colorati e profumati.