www.vinocibo.it

La Lotta Integrata, la coltivazione Biologica e Biodinamica

 

 

LA LOTTA INTEGRATA, LA COLTIVAZIONE BIOLOGICA E BIODINAMICA


Per evitare lo sviluppo di parassiti e virus, si può ricorrere a trattamenti antiparassitari con fungicidi e insetticidi, anche se sono inquinanti e costosi, poiché molti insetti e parassiti sviluppono forme di

resistenza ad alcuni dei principi attivi più impiegati, si può incorrere nel rischio che nell’anno successivo al trattamento, il parassita non solo si sviluppi lo stesso, ma lo si trovi ancora più virulento. Da circa un decennio molte aziende vitivinicole, sensibilizzate dall’uso razionale dei prodotti antipaassitari, aderiscono a dei modelli di lotta integrata. Questo sistema si basa sull’impiego limitato o addirittura nullo di alcuni principi attivi, al fine di contenere la distribuzione degli insetti normalmente presenti nei vigneti, sfruttando proprio la loro azione competitiva nei confronti di tutti gli agenti patogeni, considerando anche i fattori legati all’ambiente e alle tecniche colturali in grado di ridurre lo sviluppo dei parassiti. Un numero limitato di aziende ha invece intrapreso la coltivazione biologica; questa esclude l’utilizzo di diserbanti per il controllo delle erbe infestanti e quello di prodotti chimici di sintesi per la difesa fitosanitaria. In questo caso sono consentiti solamente interventi con prodotti a base di rame e zolfo, poltiglia bordolese e zolfo di miniera, rispettivamente contro la peronospora e l’oidio, di formulati a base di argille e solfiti contro la botrytis cinerea, oltre che del bacillus thuringensis contro tignole, tignolette e cicaline.
La coltivazione biodinamica vuole invece avvicinare la coltura alle forze energetiche che danno la vita ad ogni specie vegetale in maniera sempre differente. si rifà ai modelli di agricoltura biodinamica espressi dal filosofo Rudolf Steiner agli inizi del ‘900, in cui nella gestione della coltura si dà innanzitutto importanza all’equilibrio del suolo e dalle forze energetiche stagionali. Si ricorre quindi ad un uso limitatissimo utilizzo di prodotti chimici, ad esclusione dei prodotti a base di rame e zolfo, non rifiutati in biodinamica, integrati con estratti vegetali che tendono a rinforzare le piante e ad aumentare le auto-difese. Inoltre si tende a rispettare gli insetti utili come simbolo di vita del vigneto e ad utilizzare solo superfici vocate per la viticoltura, con l’obiettivo di raggiungere una massima diversificazione negli aromi del frutto e nel gusto del vino.